Pubblicato in: L'Arte parla di sè, Libri

Schiava di Picasso

Sono ancora nel vortice Picasso. Lo ammetto. Credo sia impossibile uscirne. Una volta che entri in contatto con lui e la sua arte vieni completamente rapito dalla sua complessità, di uomo e d’artista. E’ un gioco di seduzione che ti introduce in un ritmo incalzante fatto d’amore, odio, passione, curiosità, disprezzo, rabbia. Come in una danza lui ti guida. Il punto è, fino a dove arrivare? Fino a che punto lasciarsi travolgere.

Oggi si direbbe…Smetto quando voglio. Ma con Picasso non è possibile. Dora disse di lui: «Solo io so quello che lui è …è uno strumento di morte …non è un uomo, è una malattia».

Questa settimana ho terminato la lettura di un romanzo che narra la “storia d’amore” (difficile definirla tale)…tra Picasso e Dora Maar.

schiava di picasso

Schiava di Picasso” di  Osvaldo Guerrieri edito da Neri Pozza

Lei ha 29 anni. Lui 54. Lei è una fotografa, alterna la fotografia sperimentale a quella commerciale. Lui è Pablo Picasso.

Dora realizza foto di nudi, pubblicità e moda. Esegue ritratti, fotomontaggi e molte fotografie di gente della strada. Dora osserva il mondo e la sua vita quotidiana, sbircia nelle vite degli altri, crea mondi, illusioni ed entra a far parte del gruppo surrealista.

Nel 1937 si incontrano per la prima volta in un bar di Parigi. Lo ama. Follemente. Perde la testa. Lo segue. Lo insegue. Lei diventa OGGETTO della sua arte. Lui SOGGETTO delle sue fotografie. E’ grazie a Dora che oggi possiamo ammirare il genio all’opera mentre realizza il suo dipinto più famoso, Guernica. Dora è li con lui. Lo rende protagonista delle sue fotografie, della sua vita. Crea per lui un diario fotografico celebre e unico. Lui lo sa che Dora è una grande fotografa. Per la prima volta nella sua vita sceglie una donna alla sua altezza, dal punto di vista intellettuale. Era molto bella, altera, di un’intelligenza acuta e soprattutto indipendente. Picasso rimase affascinato da Dora quando la vide per la prima volta. E’ consapevole di avere al suo fianco una donna diversa da tutte le altre. Dora è un’artista. Ma nella loro relazione lei non può emergere. La convince ad abbandonare la fotografia e di provare la strada della pittura. Che mossa da maestro. Ancora una volta è lui che decide. In modo subdolo la allontana dalla sua arte per intrappolarla in un mondo che non le appartiene, ma che ovviamente appartiene a Picasso.

picasso e dora-4217-kMWC-U108019654644065B-1024x576@LaStampa.it

Lui la critica. “Tanti segni per non dire niente”. Questo il suo giudizio. La umilia. La distrugge. Lei cerca di resistere ma la sua forza si spegne. Inghiottita dalla depressione mentre lui incontra una nuova e giovane amante. Il copione è sempre lo stesso. Abbanmdona le sue donne come carta straccia. Le sostituisce con nuovi volti, nuove tele, nuove opere.

Dora viene ricoverata in un ospedale prsichiatrico. Viene curata con l’elettroshock, poi la psicoanalisi. Dovranno passare due anni prima che possa ritrovare l’equilibrio e la forza di ricominciare la sua vita. “Tutti pensavano che mi sarei uccisa dopo il suo abbandono, anche Picasso se lo aspettava. Il motivo principale per non farlo è privarlo di questa soddisfazione”.

All’età di 70 anni riprende la fotografia, il suo vero amore.

Fino alla fine dei suoi giorni Dora si tiene lontana dalla vita di società, sia per vanità, che per un desiderio di reclusione. Più tardi dirà nei lunghi anni trascorsi in totale solitudine, da autoreclusa dirà: “Non sono stata l’amante di Picasso. Era solo il mio padrone»

L’osteoporosi l’aveva incurvata e rimpicciolita, e lei che tanta importanza aveva dato il suo aspetto, non voleva che i suoi amici la vedessero in quello stato. Dora muore sola, in grandi ristrettezze, nel 1997. Nel ricovero in cui è ospitata nessuno sa chi sia. Non lascia eredi ed il suo immenso patrimonio di inestimabile valore viene messo all’asta.

Autore:

Chiara, alias TraMe Arte è una giovane artista bresciana che sviluppa un suo percorso artistico del tutto personale. L’artista elabora una serie di lavori caratterizzati da un intricato mosaico di colori accesi, vivaci forme elementari unite con precisione e accostamenti che seguono il gusto dell’improvvisazione artistica. Queste le TraMe di Chiara. Attiva dal 2010 nel panorama artistico di Brescia e provincia con mostre personali e con esposizione collettive a livello nazionale. Il percorso artistico di Chiara Beschi rispecchia perfettamente il suo pseudonimo TraME Arte. Diverse forme d'arte, dalla pittura alla modellazione, fino alla decorazione di complementi d’arredo si intrecciano l'una con l'altra. Un mosaico di colore, forma e materia che vanno a comporre TraMe di vita, esperienze, emozioni e la naturale propensione alla continua sperimentazione artistica e personale di Chiara. Un vero e proprio viaggio dove ogni tappa tocca nuovi lidi, scopre nuove tecniche, avvicina nuove persone.

Un pensiero riguardo “Schiava di Picasso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...